Statuto di GLobe-MAE

Insieme per rendere reale nel MAE l’art. 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea

Art.1: Missione e Visione

1. La missione del GLobe e’ di:

1.1.a Affermare, nell’ambito del Ministero degli Affari Esteri, il principio inviolabile
dell’Art. 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, in base al
quale è vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la
razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la
lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi
altra natura, l'appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli
handicap, l'età o l’orientamento sessuale.

1.1.b Adoperarsi perché il Ministero degli Affari Esteri promuova i diritti delle persone di
orientamento non eterosessuale (“LGBTI”) nelle relazioni internazionali.

2. La visione di GLobe e’ di:

1.2.a Veder attuato il principio fondante dell’Art. 21 della Carta dei Diritti Fondamentali
dell’Unione Europea in ogni aspetto concreto dell’attivita’ del Ministero degli Affari
Esteri, a tutela della pari dignità giuridica ed economica di tutto il personale del
Ministero ed in particolare le persone LGBTI.

1.2.b Vedere l’Italia impegnata in prima fila, nei rapporti internazionali multilaterali e
bilaterali, per la promozione dei diritti delle persone LGBTI.

Art. 2 Funzionamento

2.1. Membership. GLobe è aperto a tutto il personale del Ministero degli Affari Esteri, di qualunque
orientamento sessuale, nonché ad ex-dipendenti votati alla causa dei diritti LGBTI. Ogni aderente
puo’ indicare di voler aderire come “membro LGBTI” o come “membro sostenitore”. Qualora
l’aderente non dia indicazioni specifiche si considera come “membro LGBTI”. I membri LGBTI e i
membri sostenitori hanno uguale status nella Rete.

2.2. Rete. Essa opera primariamente attraverso la costituzione di una Rete di contatto Internet (“la
Rete”). Chiunque può iscriversi alla Rete su http://www.globemae.it e diventare così Membro di
GLobe, o disiscriversi e cessare di esserlo.

2.3. Informalità. La Rete opera in maniera quanto più informale possibile, favorendo il confronto
aperto tra i membri e l’adozione delle decisioni per consenso.

2.4. Coordinatore. GLobe elegge un Coordinatore o una Coordinatrice, con funzione di
moderazione della discussione e portavoce nei confronti delle istanze ministeriali e dei media. Il
Coordinatore presta il proprio servizio per un anno. Ciascun membro può presentare la propria
candidatura alla Rete ad inizio di ogni anno e viene eletto per consenso o con un numero di email di
sostegno pari almeno il 50% dei membri. Procedure piu’ dettagliate potranno essere oggetto di uno
specifico protocollo da adottarsi nell’ambito della Rete, ove necessario.

2.5. Compiti specifici. Il Coordinatore o la Coordinatrice possono essere affiancati da membri con
specifiche responsabilità.

2.6. Decisioni. Ogni Membro può proporre iniziative da adottare. Le decisioni sulle iniziative da
intraprendere con i soggetti esterni vengono adottate per consenso o, qualora questo non sia
possibile, con un numero di email di sostegno pari almeno il 50% dei membri. Vige il principio del
silenzio assenso dopo quattro giorni dalla presentazione di tali proposte (l’assenza di un email da
parte di un socio conta come un sì).

Art. 3 Privacy

3.1. Apertura. La Rete incoraggia i membri a presentarsi come persone LGBTI pubblicamente,
nella convinzione che tale apertura sia la premessa per l’accettazione delle persone LGBTI a livello
sociale, culturale e politico.

3.2. Diritto alla riservatezza. Tuttavia, la Rete garantisce ad ogni membro la tutela della propria
riservatezza. Nelle prese di posizione pubbliche, la Rete non menziona l’identità dei soci salvo
l’esplicito consenso di questi.

Art. 4 Strategia

4.1. Azione nella Farnesina. GLobe realizza ogni azione utile ad assicurare la propria missione
all’interno del Ministero degli Esteri, sia nell’ambito delle direzioni e servizi dell’Amministrazione
centrale, sia nell’ambito della rete estera, al fine di veder attuata la pari dignità garantita dalla Carta
dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea.

4.2. Azione con altre organizzazioni. GLobe propone o contribuisce alle iniziative, a livello
nazionale e internazionale, di interesse dei Membri, attraverso la collaborazione e lo scambio con
altri Ministeri, associazioni, comitati, sindacati e altri enti competenti per materia.

4.3. Formazione e crescita. GLobe agevola e stimola la crescita professionale e la formazione
permanente tra i suoi associati anche attraverso incontri con persone LGBTI dei Ministeri degli
Affari Esteri di altri Paesi;

4.4. Comunicazione. GLobe può promuovere iniziative stampa, riunioni, convegni, seminari e
curare pubblicazioni ed ogni altra iniziativa rispondente alle finalità istituzionali.

2Art. 5 Finanziamento

5.1. Volontariato. La partecipazione a GLobe-MAE è a titolo volontario e gratuito.

5.2. Raccolta fondi. Per la realizzazione di determinate iniziative, GLobe puo’ sollecitare la raccolta
di fondi presso i Membri della Rete, nonche’ eventuali erogazioni di terzi, a titolo di donazione. La
gestione di tali fondi e’ regolata con un protocollo separato.

Art. 6 Adozione dello Statuto

6.1. Approvazione. Il presente Statuto, o sue eventuali modifiche, vengono approvati dai membri
della Rete per consenso o, nel caso di obiezioni, un numero di email di sostegno pari almeno il 75%
dei membri.

6.2. Durata. Il presente Statuto rimane in vigore fino a quando la Rete rimane operativa o fino
all’adozione di un nuovo Statuto con le modalità di cui sopra.

Roma, 13 marzo 2014